Carcinoma basocellulare.

Gregory L. WellsData dell'ultima modifica Febbraio 2012

Il carcinoma basocellulare è una papula o un nodulo superficiale a lento accrescimento derivata da alcune cellule epidermiche. I carcinomi basocellulari derivano da cheratinociti vicino allo strato basale che possono essere definiti come cheratinociti basaloidi. La metastasi è rara, ma la crescita locale può essere molto

distruttiva. La diagnosi viene formulata mediante biopsia. Il trattamento dipende dalle caratteristiche del tumore e può comprendere curettage e diatermocoagulazione, escissione chirurgica, criochirurgia, la chemioterapia topica, oppure, raramente, la radioterapia.

 

Il carcinoma basocellulare è il cancro cutaneo più diffuso, con > 800 000 nuovi casi/anno negli USA. È più frequente nei soggetti con carnagione chiara, è molto raro nei neri.

Sintomatologia

L'aspetto clinico e il comportamento biologico del basalioma sono estremamente variabili. Possono apparire come

Lesioni nodulari di piccole dimensioni, lucenti, solide, quasi traslucide

O in forma di papule o noduli ulcerati e ricoperti da croste

Oppure come placche infiltrate, simil-cicatriziali

Fini papule o placche a margini definiti, di colore rosso, che sono difficili da distinguere dalla psoriasi o da una dermatite localizzata

Molto spesso il carcinoma esordisce come una papula lucida, che si accresce lentamente, e, dopo pochi mesi o anni, presenta un margine lucido e perlaceo, con vasi congesti ed ectasici (teleangiectasie) sulla superficie e con una depressione o ulcerazione centrale. La formazione di croste o un sanguinamento ricorrente non è insolito. Spesso, i carcinomi alternano la formazione di una crosta a un'illusoria guarigione, riducendo così, in modo ingiustificato, l'attenzione di medico e paziente sull'importanza della lesione.

 

I basaliomi metastatizzano raramente, ma possono invadere i tessuti sani circostanti. Raramente, può essere letale perché il carcinoma invade o infiltra strutture vitali profonde od orifizi (occhi, orecchie, bocca, osso o meningi).

Diagnosi

Biopsia ed esame istologico

Trattamento

Il trattamento deve essere condotto da uno specialista. Il quadro clinico, l'estensione, la sede e il sottotipo istologico condizionano la scelta terapeutica, curettage, diatermocoagulazione, rimozione chirurgica, crioterapia, chemioterapia topica (imiquimod, 5-fluorouracile, e terapia fotodinamica) oppure, occasionalmente, la terapia radiante. Le recidive o i tumori trattati in maniera incompleta, i tumori estesi, i tumori in sedi tendenti alla recidiva e i tumori sclerodermiformi a margini indistinti, spesso vengono trattati con la microchirurgia di Mohs, nella quale si procede a progressiva resezione dei margini tissutali fino al tessuto indenne (attraverso il controllo microscopico dei margini in estemporanea). Quasi il 25% dei pazienti con un'anamnesi positiva per carcinoma a cellule basali sviluppa un nuovo epitelioma basocellulare entro 5 anni dal carcinoma originale. Di conseguenza, i pazienti con un'anamnesi positiva per carcinoma a cellule basali devono essere visitati ogni anno per un esame della pelle.

 

IL BASALIOMA esordisce come   una malattia autoimmune similpsoriasica causata dal glutine!!

Per capire occorre cercare in internet e informarsi  leggendo tutto su

STORIA DELLA CELIACHIA GASTRONET

SCOPERTA NUOVA MALATTIA GLUTEN SENSITIVITY

LEONARDO RUBINI SIAMO CIO' CHE MANGIAMO

E’ inutile fare test per l' intolleranza al glutine non risultano, chi  è affetto da BASALIOMA deve eliminare il glutine è celiaco, la malattia è un segnale di allarme! Esiste la gluten sensitivity  che è una  intolleranza al glutine che non si diagnostica con nessun test occorre eliminare tutti i cibi con glutine e col tempo si verificheranno  i benefici.  Il glutine oltre a indebolire il sistema immunitario distrugge la pelle con meccanismo autoimmune (vedere glutine e psoriasi),  distrugge  sempre con meccanismo autoimmune il pancreas (glutine e diabete) e la tiroide ( vedere glutine e tiroide): l’individuo affetto da basalioma ha un terreno prediabetico e una ipofunzione relativa della tiroide)! Chi ha il basalioma ha  una aumentata resistenza insulinica che significa che quando mangia cibi ad alto indice glicemico non li metabolizza e causa infiammazione dell’ intestino (colon irritabile) e una aumentata permeabilità intestinale: sostanze tossiche,  infiammatorie,  batteri, funghi entrano in circolo  potendo invadere la pelle. Ricerche ipotizzano che il basalioma oltre ad essere una lesione della pelle causata con meccanismo autoimmune dal glutine (lesione della pelle similpsoriasica) è una manifestazione di  una invasione batterica da BIOFILM, essendo il paziente  immunodepresso sempre a causa di una gluten sensitivity Poiché i Biofilm batterici crescono accelerati  con gli zuccheri, la presenza di questo tumore indica che questi pazienti hanno un prediabete  e infezioni batteriche nel sangue. L'individui che ne è affetto deve eliminare i cibi  che peggiorano gonfiore intestinale o colon irritabile (vedi colon irritabile daniela pelotti in internet) cioè i cibi ad alto indice glicemico (farine con glutine patate riso frutta)! Deve seguire il più possibile una dieta paleo (vedere ricette dieta paleo)

I pazienti  che hanno avuto un basalioma sono immunodepressi e vanno soggetti ad infezioni batteriche generalizzate e sistemiche se non eliminano la causa del male prima o poi rischiano lo sviluppo di altre patologie infiammatorie e sindrome metabolica o cancro. Chi ha cambiato il suo regime alimentare  ha verificato un beneficio dello stato fisico generale.

 

 

e-max.it: your social media marketing partner