L’anemia e/o sideropenia costituiscono un elemento di frequente riscontro nel quadro laboratoristico dei soggetti con malattia celiaca (MC).
Numerosi studi, inoltre, hanno evidenziato che la presentazione clinica della MC è spesso eterogenea, con prevalenza di forme sfumate o caratterizzate da sintomi prevalentemente extraintestinali. In alcuni di questi casi, dunque, le alterazioni dei parametri ematologici rappresentano l’unico dato
rilevabile di un’enteropatia da glutine.
L'anemia secondaria al malassorbimento di ferro, acido folico e/o vitamina B12 è la più comune complicazione della malattia celiaca e la maggior parte dei pazienti presenta problemi di anemia al tempo della diagnosi.
Numerosi studi hanno riportato una prevalenza di anemia nel 12.69% dei soggetti con recente diagnosi di malattia celiaca.
Inoltre, la malattia celiaca è spesso diagnosticata in pazienti affetti da anemia, ed in particolare, è la forma subclinica della malattia che risulta essere una causa frequente di anemia e/o sideropenia
Sia nelle forme di malattia celiaca ad esordio classico che in quelle subclini-che, l'anemia si manifesta in genere di grado lieve-moderato e di tipo ipocromico-microcitico : diminuzione del contenuto corpuscolare medio di emoglobina (MCH) che si accompagna ad una riduzione del volume medio dei globuli rossi (MCV); si associano, inoltre, ridotte concentrazioni sieriche di ferro biodisponibile (sideremia) e di ferro dei depositi (ferritina, trasferrina)
Un recente studio ha evidenziato che i livelli sierici del recettore solubile della transferrina(sTfR) e della ferritina rappresentano un parametro utile per la diagnosi di celiachia nei bambini affetti da anemia e/o sideropenia refrattaria.
Parametri Andamento
Emoglobina (g/dl) Ridotta
Volume corpuscolare medio (fl) Ridotto
Ampiezza di distribuzione globuli rossi (%) Aumentata
Proto porti ring erilrocitaria (pmol/l) Aumentata
Sideremia (mgr/dl) Ridotta
Capacità totale legante il ferro (mg/dl) Aumentata
Ferritina sierica (mcg/l) Ridotta



La patogenesi della carenza marziale nella malattia celiaca è molto complessa e di verosimile natura multifattoriale .
I meccanismi principalmente ipotizzati sono tre:
1. Ridotto intake orale di ferro da minore apporto alimentare, quale si osserva nelle forme tipiche di malattia celiaca e ad esordio nei primi anni di vita, dove i sintomi prevalenti sono rappresentati dall’anoressia e dal vomito.
2. Ridotto assorbimento di ferro, sia a causa della minore superficie assorbitiva disponibile, che di una alterazione del brush border della mucosa intestinale.
3. Aumento delle perdite di ferro a livello intestinale. La spiegazione di tale fenomeno sarebbe da ricondurre o al rapido turnover degli enterociti, con conseguente alterazione della barriera cellulare epiteliale, oppure a piccole perdite ematiche intestinali dovute a microerosioni conseguenti allo stato di infiammazione cronica.
La sideropenia con o senza anemia presenta una incidenza elevata nei pazienti con malattia celiaca e, in alcuni casi (MC
atipica o monosintomatica), costituisce l'unico elemento rilevabile.
L'introduzione nella pratica clinica di test sierologici di screening validi ed affidabili, quali gli anticorpi antitransglutaminasi
(tTG) ed antiendomisio (EMA), sia di classe IgAche IgG, ha reso possibile l'identificazione delle forme atipiche e, quindi, la
diagnosi della enteropatia anche nei soggetti anemia e/o sideropenia isolate. In queste situazioni, inoltre, l'avvio della
dieta priva di glutine, determinando il completo ripristino della mucosa intestinale, consente la normalizzazione dei parametri ematologici . I dati sopra esposti, dunque, confermano l'opportunità di eseguire la determinazione dei markers sierologici per la malattia celiaca nei soggetti con anemia ferrocarenziale non altrimenti motivata, soprattutto se resistente alla terapia marziale per os.Occorre tener presente l'eventualita' di una Gluten sensitivity






Astenia nella donna in premenopausa con ferritina bassa

Efficacia del trattamento con ferro endovena

Key words: sideropenia, ferritina, astenia

L’astenia è un sintomo di comune riscontro nella pratica clinica del MMG e interessa circa un terzo di tutta la popolazione. Analogamente la carenza di ferro, riscontrabile in un quarto delle donne con mestruazioni regolari, è caratterizzata da concentrazioni di ferritina serica <15 ng/ml.  La donna è particolarmente a rischio per entrambe queste condizioni e numerosi studi hanno prospettato che il deficit di ferro possa essere alla base dell’astenia. Esistono evidenze relative all’efficacia terapeutica della supplementazione orale con ferro nel migliorare l’astenia in donne non anemiche con riduzione delle riserve parenchimali e/o midollari di ferro1, 2 11 13. Purtroppo la via di somministrazione orale di ferro è condizionata dagli effetti collaterali gastrointestinali e dal fatto che solo il 10% del ferro assunto è assorbito dall’organismo. Inoltre capire quanto questo approccio terapeutico possa ridurre l’astenia è fortemente  condizionato dall’effetto placebo.

Uno studio randomizzato controllato, in doppio cieco, verso placebo e pubblicato su Bloodsembra dirimere la questione. Allo scopo sono state analizzate 90 donne in pre-menopausa che presentavano astenia, ferritina sierica 12,0 g/dl, randomizzate a ricevere 800 mg di ferro o placebo per via endovenosa. Il grado di astenia e lo stato del ferro sierico sono stati valutati in basale e dopo 6 e 12 settimane.  Mediante uno score di valutazione dell’astenia da 0 a 10 era definito un valore basale di 4,5 che dopo 6 settimane subiva una riduzione di 1,1 nel gruppo in trattamento con ferro rispetto a 0,7 nel gruppo placebo (P=0.07). Nel gruppo di pazienti con ferritina <15ng/ml era significativa la riduzione dello score per l’astenia tra i due gruppi (1,8 vs 1,4 p<0.005) con la quasi totalità di donne trattate che avvertiva un miglioramento soggettivo del sintomo (84% vs 47% p<0.03). Il profilo di tollerabilità e sicurezza del ferro endovena era buono rispetto al placebo con una differenza di eventi avversi (non gravi) ai limiti della significatività statistica (21% vs 7% p=0,05) e limitati al periodo di somministrazione.

La somministrazione di una dose totale di 8000 mg di ferro e.v. somministrata in due settimane ha provocato un marcato aumento delle concentrazioni di ferritina (98 ng/ml) a conferma di sostanziale incremento delle riserve marziali di ferro corporeo senza influenzare i livelli di emoglobina, che sono rimasti nella norma e costanti nei due gruppi durante il periodo di osservazione.  Questi risultati forniscono la prima prova che la supplementazione di ferro per via endovenosa può migliorare l’astenia nelle donne non anemiche in premenopausa. La concentrazione di ferritina serica <15 ng/ml e la saturazione di transferrina del 20% in soggetti con ferritina di 50 ng/ml sono risultati predittivi di un beneficio significativo di questo trattamento, anche se la ferritina sembra più adatta nella pratica clinica. Tuttavia, a causa dell’esiguo numero del campione, non è attualmente possibile stabilire un cut-off della ferritina sotto il quale le pazienti possono trarre beneficio dalla terapia con ferro.

Comunque viene confermata l’importanza delle funzioni non ematologiche del ferro. In particolare il suo ruolo come componente essenziale di un gran numero di enzimi metabolici come la ribonucleotide-reduttasi, la NADH-deidrogenasi, la succinato-deidrogenasi e il citocromo C-reduttasi/ossidasi. Tutti enzimi che catalizzano processi biochimici essenziali come la formazione di desossiribonucleotidi  e l’ossidazione aerobica dei carboidrati.

Questi risultati sono in accordo con studi precedenti con ferro per os, ma documentano una miglior efficacia della via di somministrazione endovenosa nel normalizzare le riserve marziali mantenendo un buon profilo di sicurezza e tollerabilità.

Un aspetto critico dello studio è il dato del miglioramento dell’astenia in circa il 40% delle donne trattate con placebo, con una risposta più evidente in donne con livelli di astenia iniziale elevata. Il risultato conferma la difficoltà di discriminare il ruolo della componente emotiva nella valutazione di donne che si considerano gravemente asteniche.  La definizione della carenza di ferro può essere accurata in una popolazione sana, ma non in altre popolazioni dove, per esempio, l’astenia è l’epifenomeno di una neoplasia.  Quindi nel work up di un’astenia è sempre consigliabile la ricerca delle cause somatiche, oltre a quelle psicologiche e sociali, perché di fronte a bassi valori di ferritina sierica nella donna in premenopausa vanno escluse prioritariamente importanti cause di carenza marziale come il sanguinamento gastrointestinale, le sindromi da malassorbimento e le patologie della sfera ginecologica.

 

e-max.it: your social media marketing partner